Gli attrezzi del mestiere

La cassetta degli attrezzi del buon creatore di giocattoli deve contenere almeno:

  • Un paio di forbici robuste 
  • Un taglierino (da usare con attenzione!) 
  • Un righello, o metro.
  • Un piccolo cacciavite, o uno spunzone: serve per forare.
  • Una pinza (piccola, ma possibilmente con tenaglia)
  • Nastro adesivo (trasparente; ottimo anche di carta)
  • Colla universale (e/o a caldo)
  • Pennarelli (materiale per colorare in genere: indelebili sono consigliati)

Questa è la base per fare tutto, più o meno facilmente. Potrebbe anche farvi comodo un compasso (per tracciare cerchi, ma anche per forare), un seghetto (con i denti piccoli, tipo “modellismo”: per segare ad esempio le parti più resistenti delle bottiglie di plastica), dei colori acrilici (bomboletta o tubetto), delle piccole tenaglie

[!] Il TAGLIERINO (anche detto “cutter”) è un utensile pericoloso.

Segui sempre queste 7 regole fondamentali.

  1. Fatti aiutare da un adulto (se non sei già un adulto…)
  2. Estrai la lama solo il minimo indispensabile
  3. Appoggia sempre il materiale da tagliare su una superficie solida, liscia e che non si graffi.
  4. Se puoi, blocca il materiale in modo da non doverlo tenere con le dita (vale sopratutto per il taglio dei tappi di sughero)
  5. Se non puoi, tieni le dita lontane dalla direzione del taglio.
  6. Usa il righello come guida per il taglio (vale per il cartone e il cartoncino)
  7. Taglia sempre piano, senza troppa forza. Soprattutto il cartone e il sughero: esegui tagli leggeri e poi continua a “ripassarli” fino alla separazione delle parti.
  8. Richiudi la lama appena terminato il taglio.

[!] Due parole sulla C O L L A.
Potete usare queste colle, spesso già presenti in casa e comunque facilmente reperibili, per incollare (quasi) tutto:

  • La colla detta “universale (in tubetti grandi, trasparente o giallognola: Bostik, Uhu, Saratoga le marche più conosciute) è in grado di incollare tutto: richiede qualche minuto di attesa perché evapori il solvente prima di unire le due parti, e qualche ora perché si fissi bene, ma è la soluzione migliore: non sporca e ha maggior tenuta.
    LEGGETE LE ISTRUZIONI riportate sulla confezione e sul tubetto stesso: è importante rispettare tempi e modi specifici per un risultato migliore.
  • Le colle “rapide” (quelle nei tubetti piccini, anche dette “cianoacriliche”: tipo attack) sono, appunto, molto rapide, ma hanno tre svantaggi: il primo è che vanno usate con attenzione, perché sono tossiche e difficili da pulire; il secondo è che possono “bruciare” i materiali più delicati (carta, stoffe); il terzo è che una volta aperto il tubetto seccano molto in fretta, diventando inutilizzabili. Le sconsiglio a meno che non abbiate solo quella, oppure siate utilizzatori esperti che, giustamente, preferiscono utilizzare sempre la colla più adatta.

  • La “colla a caldo” richiede l’apposita pistola che si collega alla corrente: è una colla rapida e facile da usare (occhio perché scotta!). Sporca, ma è facile da pulire. Lo svantaggio principale è che, essendo calda, rischia di fondere o deformare i materiali più sensibili (come la plastica delle bottiglie, soprattutto se sottile); resiste poco all’acqua e al calore, soprattutto sulla plastica.
    Usatene poca alla volta e cercate di tenere pulito il beccuccio della pistola.
    Ricordatevi di staccarla dalla corrente quando non la usate: la pistola durerà di più.

  • La colla “vinilica” (di solito in bottigliette o barattoli) è molto diffusa (di certo nelle case in cui abitano bambini in età di scuola dell’obbligo), ma è utile solo per incollare carta e cartoncino (rendono carta e cartoncino adesivi, quindi poi potete attaccarli anche su altre superifici), quindi se l’avete usatela per questi scopi.

[!] SPESSO INCOLLARE NON BASTA! Soprattutto per le parti “strutturali” del vostro giocattolo, come ali, muri, gambe, supporti, braccia… 

E’ sempre meglio trovare il modo di incastrare le parti da unire (oltre a incollarle), e di immaginare dei supporti nel caso in cui non si possano incastrare. In questo è utilissimo il sughero dei tappi (vedi MATERIALI), unito alle puntine da disegno o alle graffette. Piantate da una parte la puntina (o la graffetta opportunamente piegata) e dall’altra il sughero (tagliandolo da un tappo a seconda della necessità). L’effetto è di “vite e bullone”: incollate tutto e reggerà. Qui un esempio.

[!] MENO COLLA USI, MEGLIO E’: se hai la possibilità di pinzare il cartone, non incollarlo. Se puoi incastrare, incastra… E se proprio devi usare la colla, usane il meno possibile.