Aereo a motore (ovvero: come riciclare piccoli motorini elettrici)

Se a Natale vi hanno regalato un rasoio elettrico e state per sbarazzarvi di quello vecchio, oppure avete scovato in cantina le macchinine della vostra vecchia pista Polistil, sappiate che per le mani avete un TESORO in grado di rendere davvero figo©️ ogni vostro giocattolo fai da te.
Sto parlando del piccolo motorino elettrico che fa correre le macchinine sulla pista, ruotare la punta di un avvitatore, o la ventola del phon.
Collegando questo affare a un paio di batterie da 1,5 volt, potete ad esempio motorizzare l’elica di un aereo da bottiglia.

Per prima cosa smontate il motorino elettrico, cercando di conservare, se possibile, i due fili che collegano i due poli del motore alla batteria (altrimenti dovrete saldarne a stsgno due nuovi).

motorino elettrico: più o meno sono fatti tutti così.

Il funzionamento è semplice: collegate un paio di batterie da 1,5 volt e il motorino gira (servono almeno 3 volt). Se invertite i poli, cambia il senso di rotazione. L’ideale (per comodità e potenza) è una batteria da nove volt, ma potete cavarvela anche con due da 1,5 volt collegate in serie.

Se vi sentite davvero in forma, potete provare persino a costruire da zero il motorino.

Vi servirebbe anche un interruttore da inserire a metà di uno dei due fili che collegano un polo del motore a quello della batteria.
Se avete ricavato il motorino da un attrezzo come il rasoio o il phon probabilmente potete smontare e riutilizzare anche l’interruttore (e forse anche la batteria).

Assemblate prima di tutto motore più batterie e constatate che funzioni.
Poi occupatevi dell’elica. Potete costruirla da voi oppure procurarvela da un vecchio giocattolo. Trovate il modo di fissarla al perno del motorino.

Ora dovete immaginare come far stare il tutto dentro alla bottiglia (o a qualunque altra cosa vogliate usare come telaio dell’aereo). Non sarà semplicissimo, si va per tentativi: procuratevi due o tre bottiglie, preferendo quelle con la plastica più solida e spessa.

Buona fortuna.

P.S.: se fabbricate un elica vera, ossia in grado effettivamente di spostare l’aria e avete abbastanza potenza, probabilmente attivando l’elica l’aereo si muoverà. A patto che abbiate fabbricato anche delle ruote.

One thought on “Aereo a motore (ovvero: come riciclare piccoli motorini elettrici)

  1. Pingback: Aereo a motore (ovvero: come riciclare piccoli motorini elettrici) | Il futuro non è scritto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...